CANADA, FATTI GLI AFFARI TUOI

canadaNella vignetta di Artizans: il premier del Canada Trudeau consegna un carro armato ai sauditi dicendo: "Promettete di usarlo responsabilmente".

Vorrei tornare, passando per il Canada, sul caso del blogger saudita Raif Badawi, del quale ho parlato un paio di settimane fa nel quinto anniversario del suo arresto. Badawi, un giovane avvocato oggi quarantatreenne, fu fermato con l’accusa di apostasia per essere stato tra i fondatori di Free Saudi Liberals, un blog impegnato a sostenere la separazione tra amministrazione della giustizia e pratica religiosa. In seguito, Badawi è stato condannato a 10 anni di carcere e a mille frustate.

Quello che oggi va raccontato, perché è emblematico dell’atteggiamento dell’Occidente, è invece quanto è successo in Canada, il Paese dove dal 2013 vive Hensaf Haidar, moglie di Raif Badawi, insieme con i tre figli che hanno 14, 10 e 8 anni. L’ambasciata saudita di Ottawa ha convocato una conferenza stampa nel corso della quale l’ambasciatore Naif Alsudairy ha esplicitamente affermato che il Canada dovrebbe «farsi gli affari suoi» e non occuparsi di Badawi. «C’è stata la decisione di un tribunale saudita», ha proseguito l’ambasciatore, «e noi pensiamo che gli amici canadesi dovrebbero rispettarla, proprio come noi rispettiamo le decisioni dei loro tribunali».

Il paragone fa sorridere o rabbrividire, a seconda dei casi. Ma l’intera faccenda diventa agghiacciante se solo pensiamo che Justin Trudeau, il premier canadese, prima di citare Badawi, aveva avuto un colloquio telefonico con Abdullah bin Nasser al-Thani, primo ministro del Qatar, il Paese che l’Arabia Saudita e gli altri Paesi del Golfo Persico hanno da poco messo all’indice. Nella telefonata, Trudeau avrebbe espresso ad Al-Thani «preoccupazione per il sostegno (del Qatar, ndr) al terrorismo», sposando così la teoria sostenuta dai sauditi, a loro volta notori finanziatori dell’Isis e di altri movimenti terroristici.

La morale della favola, dunque, è questa: i sauditi non vogliono alleati né interlocutori, ma solo complici che sposino le loro strategie e tacciano su tutto il resto. Speriamo che Trudeau e altri prima o poi capiscano la lezione.

Pubblicato in Babylon, il blog di Terrasanta.net

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale “Famiglia Cristiana”, per cui continuo a lavorare come editorialista. Nel 2010 ho varato l’edizione on-line del giornale. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l’Afghanistan, l’Iraq e i temi del Medio Oriente.
Ho pubblicato i seguenti libri: “Bye Bye Baghdad” (Fratelli Frilli Editori, 2003) e “La Russia è tornata” (Boroli Editore, 2005), “I cristiani e il Medio Oriente” (Edizioni San Paolo, 2008).

Altri articoli sul tema

*

*

Top