AFFARI, IRAN CHIAMA, UE RISPONDE

AFFARIGli stand al forum economico "Europa - Iran" di Zurigo.

Si è svolto nei giorni, scorsi, a Zurigo, il quarto Forum Europa – Iran, con un titolo significativo: Investimenti e commercio post-sanzioni. È chiaro che gli uomini d’ affari iraniani ed europei non vedono l’ora di ristabilire normali relazioni commerciali. Prima che il Paese degli ayatollah fosse bersagliato dalle sanzioni internazionali, l’Unione Europea era il suo principale partner negli scambi. Cambiata la situazione, sono stati Emirati Arabi Uniti e Cina a farla da padrone, con il 23,6 e il 22,3 per cento rispettivamente dell’interscambio commerciale con l’ Iran.

Da quando, nel luglio del 2015, Barack Obama siglò l’accordo sul nucleare iraniano, gli europei si sono lanciati all’inseguimento. Nel 2016 le esportazioni dall’ Iran verso l’ Europa sono aumentate del 344 per cento (per il 77 per cento petrolio) e quelle dell’Europa verso l’Iran del 27 per cento (in gran parte macchinari industriali e veicoli da trasporto). A favorire la Ue in questa corsa agli affari è stata la posizione americana: il Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpoa) siglato da Obama valeva per le sanzioni internazionali (cioè quelle decise in sede Onu nel 2006 e nel 2010), ma non aboliva le sanzioni separatamente varate dagli Usa. Così gli uomini d’ affari americani si sono trovati con le mani ancora legate mentre quelli europei no.

Anche per questo, oltre che per questioni di principio, la diplomazia europea ha difeso a spada tratta l’accordo del 2015 contro Donald Trump, il nuovo presidente americano che invece lo considera (l’ha detto di recente anche all’Onu) «il peggior accordo mai firmato dagli Stati Uniti d’America».

La domanda ora è: che cosa potrebbe succedere se, come molti pensano, Trump dovesse revocare l’accordo? Per gli americani poco o nulla. Ma il governo Usa potrebbe sanzionare le aziende europee che fanno affari con l’Iran impedendo loro di lavorare negli Usa o con aziende americane, come è già successo in passato. Il che imporrebbe alle stesse aziende una scelta dolorosa tra il business con l’Iran e quello, di certo più stimolante, con un colosso dell’economia come gli Usa.

Ancora una volta, quindi, si propone la dicotomia tra l’interesse nazionale americano e quello collettivo degli europei. Ora che anche nell’amministrazione americana si aprono crepe sull’atteggiamento da tenere con l’Iran (John Mattis, l’ex generale dei marine che ora è ministro della Difesa, si è detto a favore della conservazione dell’accordo), la diplomazia degli affari diventa ancor più importante.

Pubblicato in Babylon, il blog di Terrasanta.net

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", per cui continuo a lavorare come editorialista. Nel 2010 ho varato l'edizione on-line del giornale. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008).

Altri articoli sul tema

*

*

Top