IL PAPA, LA GUERRA E LA GIACCHETTA

papaPapa Francesco.

Le occasioni purtroppo non mancano, per capirlo basta seguire i telegiornali. Ma ogni volta che facciamo i conti con la persecuzione dei cristiani (quasi sempre in Paesi islamici) e con l’addolorato sdegno di papa Francesco, parte la corsa a far dire al Papa o ai suoi collaboratori, tirando loro la giacchetta, che è lecito, forse auspicabile fare la guerra. Come minimo speculando sulla famosa frase pronunciata nel 2003 dal cardinale Martino, allora nunzio, all’Onu: «I cattolici sono pacifici, non pacifisti».

La commedia era andata in scena con la Siria, con l’Iraq e si è puntualmente ripetuta dopo la strage di Lahore, in Pakistan, anche se in realtà non è cambiato nulla. La dottrina sulla guerra è sempre quella del Catechismo della Chiesa cattolica, paragrafi 2302-2330. Prima di tutto, «adoperarsi per evitare le guerre» (2308). Poi, se si arriva a «una legittima difesa con la forza militare», rispettare «rigorose condizioni di legittimità morale», che sono queste: «Che il danno causato dall’aggressore alla Nazione o alla comunità delle Nazioni sia durevole, grave e certo»; «Che tutti gli altri mezzi per porvi fine si siano rivelati impraticabili o inefficaci»; «Che ci siano fondate condizioni di successo»; «Che il ricorso alle armi non provochi mali e disordini più gravi del male da eliminare» (2309).

Il Papa e l’Iraq

Chiunque può giudicare se tali condizioni siano applicabili oggi a un Paese come al Pakistan o se siano state applicate, giusto per fare un esempio di scuola, all’Iraq invaso dagli anglo-americani nel 2003. Riflettiamo, piuttosto, sulla persecuzione dei cristiani che «il mondo cerca di nascondere». A chi pensava papa Francesco, al momento di pronunciare quelle parole? Forse a quelli che definiscono “moderati” i Paesi che hanno finanziato l’Isis, o a chi ha permesso che la Costituzione dell’Iraq si desse come fondamento (art. 2) la shari’a islamica. Ma forse è solo un cattivo pensiero…

Segui anche “Gerusalemme, Damasco e dintorni”, il blog sul Medio Oriente di Famiglia Cristiana

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top