ASIA BIBI A MORTE COMUNQUE

Asia Bibi a morteAsia Bibi con due dei suoi cinque figli.

Quattro anni d’isolamento per Asia Bibi nel penitenziario femminile di Sheikupura (Punjab). Una serie di morti illustri, tra cui il governatore del Punjab, Salman Taseer, musulmano, assassinato nel gennaio 2011 proprio perché si era preso a cuore il caso, e il ministro per le minoranze religiose Shabhaz Bhatti, cristiano, ucciso nel marzo dello stesso anno dagli stessi gruppi dell’estremismo islamico. La mobilitazione della Chiesa cattolica del Pakistan. Una campagna internazionale partita con l’immediato appello di Benedetto XVI, il 16 novembre 2010, affinché all’imputata fosse restituita “la piena libertà”, mentre un intero Paese voleva Asia Bibi a morte.

Dopo tutto questo, i giudici della Corte d’appello hanno finalmente deciso di esaminare, a partire da domani, il ricorso contro la condanna a morte, emessa l’11 novembre 2010, di Asia Bibi, la donna cristiana madre di cinque figli che dovrebbe perdere la vita in base al famigerato “delitto di blasfemia” previsto dal codice penale del Pakistan. La colpa specifica di Asia Bibi sarebbe di “aver insultato Maometto” durante uno screzio con donne musulmane offese per il fatto che lei, cristiana, aveva osato bere a un pozzo di proprietà di un musulmano, infettando ai loro occhi l’acqua. Ma come tutte le condanne emesse in base a quella legge odiosa, anche questa è una farsa: nei tribunali pakistani non occorre alcuna vera prova per essere condannati, ma solo la “testimonianza” di un musulmano. Al resto pensano i giudici, inclini a infierire su una minoranza indifesa come quella cristiana (4 milioni su 180 milioni di pakistani) e minuscola (un milione) come quella cattolica.

Asia Bibi a morte

Comunque sia, da lunedì l’Alta Corte del Punjab, con sede a Lahore, rivedrà il caso. E’ una vittoria o una sconfitta? Asia Bibi, come essere umano che ha diritto alla libertà e alla giustizia, ha perso comunque. Se fosse confermata la condanna, perderebbe la vita per una persecuzione religiosa, e diverrebbe uno dei centomila cristiani che ogni anno sono uccisi nel mondo per la fede. Un dramma grande dentro un dramma enorme. Se fosse invece scagionata, la sua vita in Pakistan sarebbe comunque finita: dovrebbe scappare lontano, perché i musulmani fanatici gliela farebbero comunque pagare. Già oggi non può partecipare alle udienze per “ragioni di sicurezza”, figuriamoci domani, più sola e più inerme di prima. Comunque vada il processo d’appello, in Pakistan sarebbe: Asia Bibi a morte

Bisogna dunque sperare che la condanna a morte venga revocata per amore del principio e per le Asia Bibi del futuro, per i cristiani che potrebbero subire un oltraggio analogo. Solo un anno e mezzo fa Rifta Masih, 11 anni, cristiana, affetta da sindrome di Down, fu fatta arrestare dalle donne del suo villaggio che sostenevano di averla vista bruciare pagine del Corano.

Proprio il carattere di precedente che la sentenza finirà comunque per avere, può complicare le cose. Inevitabili le connessioni con la politica, in particolare con la trattativa che il Governo pakistano ha avviato con i talebani che da anni colpiscono quasi indisturbati. L’attuale leader talebano, Mullah Fazlullah, è succeduto a Hakimullah Mehsud eliminato dai droni dell’aviazione Usa, ed è colui che ordinò l’uccisione di Malala Yousafzai, la ragazza che voleva solo andare a scuola e che poi, scampata per miracolo all’esecuzione, ha commosso il mondo con l’appassionata difesa del diritto all’istruzione.

Non stupisce quindi che Fazlullah abbia posto come condizioni per una tregua l’interruzione delle operazioni militari americane sul confine tra Pakistan e Afghanistan e l’applicazione della shari’a (la legge islamica) in Pakistan. Il Governo non può accettarle mentre sa che l’eventuale liberazione di Asia Bibi sarebbe di certo sfruttata dai talebani per infiammare le frange più estremiste della popolazione musulmana.

Pubblicato su Avvenire del 16 marzo 2014

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Top