QUANTO “PESANO” I FRATELLI MUSULMANI

Una manifestazione dei Fratelli Musulmani al Cairo prima del bando imposto dai militari.

Il settore Medio Oriente della Bbc ha fatto un bel lavoro sul consenso reale dei Fratelli Musulmani che, in Egitto, sono stati appena messi fuorilegge e privati, tramite esproprio, dei loro beni dal Governo provvisorio insediato dai militari. Che i Fratelli siano una forza, è cosa nota a tutti. Ma quale? Con quale effettivo radicamento presso gli egiziani? La risposta arriva dall’analisi dei dati elettorali, cioè dallo scrutinio dei voti espressi nelle cinque votazioni in cui i Fratelli hanno prevalso tra il 2011 e il 2013.

Una manifestazione dei Fratelli Musulmani al Cairo prima del bando imposto dai militari.

Eccole in sintesi.

1. Referendum costituzionale del marzo 2011: il referendum chiedeva se abolire o modificare la Costituzione allora vigente. I Fratelli erano per la modifica e tale posizione ebbe il 77% dei voti. Ma a votare andò solo 41% dell’elettorato e per la modifica si battevano anche altri partiti.2. Elezioni per l’Assemblea del Popolo (la Camera del Parlamento egiziano), novembre 2011-gennaio 2012: i Fratelli ottengono il 37,5% dei voti ma la percentuale dei votanti è del 52%.3. Elezioni per il Consiglio della Shura (il nostro Senato), febbraio 2012: i Fratelli ottengono il 58% dei voti ma i votanti sono appena il 10% del totale.4. Elezioni presidenziali, giugno 2012: vince Mohammed Morsi con il 51,7% dei voti, avendo però come avversario Ahmad Shafik, ex generale e ultimo primo ministro del dittatore Mubarak. Un rivale, insomma, con un curriculum poco “prestigioso” in un Egitto appena scosso dalla rivoluzione, certo perdente a fronte di un candidato come Morsi che era stato pure in carcere per la sua opposizione a Mubarak.5. Referendum costituzionale del dicembre 2012: Morsi chiede di approvare la nuova Costituzione, anche se molti gruppi cristiani e laici si erano ritirati dall’Assemblea costituente incaricata di scriverla. La Costituzione viene approvata con il 64% dei voti ma la percentuale dei votanti è ferma al 33%.Mi pare corretto concludere che i Fratelli Musulmani sono certo una forza disciplinata e organizzata, capace di mobilitarsi con compattezza al momento di un voto e radicata nel Paese. Ma più una lobby potente che una forza che possa dirsi rappresentativa della maggioranza degli egiziani. Il che fa capire, tra l’altro, perché sia stato così relativamente facile toglierle il potere pochi mesi fa ed emarginarla nei grandi centri urbani, mentre più difficile risulta la stessa operazione nelle aree rurali e desertiche del Sud.Possiamo aggiungere una cosa: chi parla di fallimento della Primavera Araba pensi a queste cinque tornate elettorali, libere, ordinate e democratiche, e si chieda quante altre volte ha visto susseguirsi cinque libere elezioni in un qualunque Paese del Medio Oriente. Non è tutto ma è già molto. La Primavera parrà subito più fiorita.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top