EGITTO: CHI ERA MORSI LO SCIUPONE

Il volto di Mohammed Morsi obliterato nei cartelli della protesta di Piazza Tahrir.

Mohammed Morsi, 64 anni, ingegnere con Ph.D ottenuto in California, presidente del Partito Libertà e Giustizia fondato dai Fratelli Musulmani alla vigilia della Primavera Araba che cacciò Mubarak nel 2011, come quinto presidente dell’Egitto ha cantato una sola estate. Nel giro di un anno e qualche giorno, infatti, è passato dallo scranno presidenziale agli arresti. Insediato Presidente il 30 giugno del 2012, è diventato prigioniero dell’esercito il 3 luglio del 2013. Uno di quelli, insomma, che hanno sciupato l’occasione della vita. Uno che ha vinto alla lotteria ma ha perso il biglietto.


Il volto di Mohammed Morsi obliterato nei cartelli della protesta di Piazza Tahrir.Una carriera fulminea (fu eletto per la prima volta al Parlamento nel 2000), anche se al contrario. E pensare che Morsi avrebbe avuto tutte le caratteristiche per imporsi come un volto nuovo della politica egiziana. Ben radicato in Occidente (è stato anche assistente presso la cattedra di Ingegneria della California State University), poteva vantare una lunga militanza nel ramo politico della Fratellanza, fin dai tempi in cui ai Fratelli Musulmani era proibito presentarsi alle elezioni.

Nella sua veste di militante, Morsi finì anche in carcere nel 2011 e fu protagonista di un episodio clamoroso. Rinchiuso nella prigione di Wadi al Natroun, fu liberato con altri 34 prigionieri dalla folla che protestava contro Mubarak, ma rifiutò di fuggire. Al contrario, dal carcere si mise in contatto con la televisione satellitare Al Jazeera proprio per propagandare la decisione di restare in carcere come ulteriore forma di protesta contro il regime.

In questo anno di presidenza, Morsi è però riuscito ad alienarsi il consenso di tutte le componenti della società egiziana che non si richiamano esplicitamente all’ideologia dei Fratelli Musulmani: l’hanno abbandonato i copti, i militari, i laici, la magistratura, il Parlamento, i suoi stessi ministri. Ma soprattutto l’ha abbandonato quella vasta parte della società egiziana che nel controllo dell’islam integrale sulla politica non vede prospettive di sviluppo per il Paese. Con la shari’a non si mangia, ha detto polemicamente Mohammed Al Baradei, esponente di spicco del fronte laico ed ex presidente dell’Agenzia atomica dell’Onu. Appunto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top