IRAN: IL NUCLEARE “BUONO” DI ROHANI

Hassan Rohani alla prima conferenza stampa dopo l'elezione a presidente dell'Iran.

Come sempre, l’Occidente legge nel Medio Oriente solo la conferma o la smentita ai propri desideri. E’ successo anche con l’elezione di Hassan Rohani, 73 anni, presidente dell’Iran addirittura al primo turno. Rohani è considerato un “moderato” e come tale applaudito. Non tanto perché ha promesso di limare la soffocante presenza dell’apparato politico-religioso nella vita economica e sociale del Paese, novello Gorbaciov in salsa persiana, ma perché le cancellerie lo ricordano capo della Commissione per le trattative sul nucleare (2003-2005) da uomo di fiducia del presidente Khatami. Moderato Khatami, moderato Rohani (che trattò con la Ue una parziale sospensione del programma), allegri tutti.

Hassan Rohani alla prima conferenza stampa dopo l'elezione a presidente dell'Iran.

Proviamo però a rovesciare la prospettiva. L’elezione di Rohani, se Obama e gli altri credono a ciò che dicono, dovrà avere conseguenze. Ha ancora senso che Israele minacci un attacco militare all’Iran per la questione nucleare? E la Conferenza di Ginevra sulla Siria può svolgersi senza l’Iran?

Inoltre, sarà bene ricordare che lo sviluppo del nucleare, in Iran, è caro non solo agli ayatollah ma al popolo intero, sia nella versione civile sia in quella militare. La prima per sopperire agli embarghi (quello internazionale, lanciato nel 2006, ha fatto crescere il prezzo dei prodotti di largo consumo anche del 50-60%). La seconda  per impedire che il Paese faccia la fine dell’Irak di Saddam o che gli sciiti della Mezzaluna fertile (Iran, Irak, Siria, Libano) siano spazzati dal Medio Oriente per l’attacco dei sunniti capitanati dall’Arabia Saudita. Nemmeno lo Eltsin dell’Iran, Hossein Moussawi, che nel 2009 si oppose ad Ahmadinejad nell’elezione poi contestata dalle piazze, aveva in mente di rinunciare al nucleare. Rohani, quindi, potrà forse governare meglio il proprio Paese, e dopo Ahmadinejad ci vorrà poco. Ma non sarà lui a liberare noi dalla solita domanda: che fare con l’Iran?

Pubblicato su Famiglia Cristiana n.25/2013

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top