IL VECCHIO E IL NUOVO DIETRO LE BOMBE

La carcassa di un'autobomba a Baghdad (Iraq).

Per molti popoli, purtroppo, è stato un altro Natale orrendo. In Iraq siamo ormai a 80 morti in pochi giorni, dopo le autobomba che hanno colpito luoghi ed edifici pubblici della capitale Baghdad. In Nigeria i terroristi di Boko Haram, un gruppo fondamentalista islamico che si richiama ai talebani afghani, hanno colpito le chiese proprio durante le funzioni natalizie: più di 30 morti.

Le conseguenze di uno degli attentati in Nigeria.

In Afghanistan almeno 20 morti a causa di un kamikaze che si è fatto esplodere tra la folla convenuta a un funerale. E in Siria, 45 morti per gli attentati che hanno sconvolto la capitale Damasco nel quartiere della grande moschea degli Omayyadi, dopo dieci mesi di proteste e rivolte che il regime di Assad sta ancora cercando di soffocare, nonostante che abbia già provocato almeno 5 mila morti. In Egitto, infine, la repressione dei militari ha fatto decine di morti proprio alla vigilia delle Feste.
E’ un prezzo tremendo. Che spinge a una domanda: dieci anni dopo l’attacco alle Torri Gemelle e la conseguente guerra contro l’Afghanistan dei talebani, e otto anni dopo l’invasione anglo-americana dell’Iraq, non è cambiato nulla? 150 mila morti (ammesso che la stima sia corretta, mentre è forse carente per difetto) tra Afghanistan e Iraq e siamo ancora allo stesso punto?
Il pensiero è legittimo, ma la realtà è diversa. Nelle tragedie di questi giorni possiamo  rinvenire sia i residui di errori passati non ancora risolto sia i segnali di problemi e opportunità future. E’ certo crollata l’illusione, per anni coltivata dal Governo degli Usa e alimentata anche in Europa da intellettuali protervi o proni, di costruire da zero nuove democrazie usando come strumento la guerra. Quelle che governano l’Afghanistan e l’Iraq sono parodie della democrazia. Regimi che hanno preso il posto di dittature orrende ma che, nella sostanza, non controllano i rispettivi Paesi e sono la riedizione contemporanea dei “regimi fantoccio” del periodo coloniale.

Baghdad, macerie dopo un attentato.

In Iraq è bastato il ritiro delle truppe Usa per far esplodere tutte le tensioni e dar vita allo spettro di una guerra civile che, inevitabilmente, porterebbe alla frammentazione del Paese: il Kurdistan indipendente e sciiti e sunniti a contendersi il resto del territorio. L’Afghanistan ha un Presidente, Hamid Karzai, eletto tra i brogli e dotato di un’autorità che si estende poco oltre i confini della capitale Kabul, laddove è protetto dalla forza militare internazionale. Altro che democrazia…

Anche in Nigeria si scontano problemi vecchi e mai davvero affrontati. La popolazione è quasi equamente ripartita tra cristiani e musulmani ma il Governo centrale, che ha fatto della Nigeria uno dei Paesi più corrotti al mondo, non è in grado di controllare le pulsioni fondamentaliste che animano larga parte della parte islamica della nazione.
I terroristi di Boko Haram (il nome del gruppo vuol dire: “L’educazione occidentale è peccato”) interpretano con la violenza un sentimento abbastanza diffuso nel Nord della Nigeria, cioè il desiderio di instaurare la shar’ia (legge islamica) in tutti i 36 Stati del Paese. Sono due fenomeni che si alimentano l’un l’altro:  non a caso l’ascesa di Boko Haram è cominciata proprio nei primi anni Duemila, cioè quando la shar’ia è stata introdotta in 12 Stati della Nigeria: in 9 a pieno titolo, in altri 3 con validità solo per le aree con popolazione in maggioranza musulmana.
Mentre forti segnali di novità arrivano, nonostante tutto, dalla Siria e dall’Egitto. Le rivolte contro i regimi di Mubarak prima e dei militari poi in Egitto, e contro quello di Assad in Siria, nascono da un’importante maturazione di masse imponenti del mondo arabo. I giovani e gli strati più istruiti di quelle popolazioni hanno visto quale vicolo cieco siano il terrorismo e il fondamentalismo e ora si battono per costruire società più democratiche ma soprattutto più aperte. Sono loro i “nemici” naturali dei talebani, di Boko Haram, dei terroristi kamikaze che sconvolgono l’Iraq e l’Afghanistan. Per questo è credibile che gli attentati di Damasco possano essere opera di Al Qaeda. Il fondamentalismo islamico tutto vuole tranne che popoli decisi a prendere in mano il proprio destino.

 

 

 

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Fulvio Scaglione

Mi chiamo Fulvio Scaglione, sono nato nel 1957, sono giornalista professionista dal 1983. Dal 2000 al 2016 sono stato vice-direttore del settimanale "Famiglia Cristiana", di cui nel 2010 ho anche varato l'edizione on-line. Sono stato corrispondente da Mosca, ho seguito la transizione della Russia e delle ex repubbliche sovietiche, poi l'Afghanistan, l'Iraq e i temi del Medio Oriente. Ho pubblicato i seguenti libri: "Bye Bye Baghdad" (Fratelli Frilli Editori, 2003) e "La Russia è tornata" (Boroli Editore, 2005), "I cristiani e il Medio Oriente" (Edizioni San Paolo, 2008), "Il patto con il diavolo" (Rizzoli 2017).

Altri articoli sul tema

*

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top